Diagnostica

ECOGRAFIA ENDOANALE TRIDIMENSIONALE CON SONDA RADIALE ED ECOGRAFIA PERINEALE DINAMICA

L’ indagine permette di esaminare gli sfinteri distinguendone gli strati. La metodica e’ in uso da circa 20 anni ma e’ tuttora poco diffusa in quanto richiede l’ uso di una sonda appositamente costruita per l’ esame e sono poche le ditte di ecografi che ne dispongano. La sonda fornisce una scansione radiale a 360° e permette, senza uso di radiazioni, con minimo fastidio per il paziente e con costi accettabili, di ottenere immagini coronali assai dettagliate degli sfinteri. Esiste (ancor meno diffusa) la possibilità di una ricostruzione tridimensionale dell’ immagine e di eseguire "tagli" ecografici ed anatomici nei punti di particolare interesse diagnostico.

ECOGRAFIA DI CANALE ANALE NORMALE

Quando serve ?
L’ esame trova indicazione nello studio dell’ incontinenza fecale (post-partum, da esiti di intervento, da traumi, da neuropatie) e permette di valutare l’ integ
rità, lo spessore e la struttura degli sfinteri interno ed esterno. In caso di evidenza di lesione ne e’ determinabile la sede e l’ angolo di estensione sulla circonferenza sfinteriale. Nelle sepsi anali (ascessi e fistole) se ne visualizza la sede e, nel caso di fistole (talvolta con l’ ausilio di acqua ossigenata), il tragitto.
In relazione all’ entità del danno il medico può scegliere una terapia chirurgica o riabilitativa (chinesi e/o elettrostimolazione funzionale e/o  biofeedback-terapia).
In caso di disfunzione del pavimento pelvico con prolasso uro-genitale con o senza  incontinenza urinaria si può abbinare all’ esame endoanale uno studio ecografico perineale statico e dinamico che permette di valutarne l’ entità senza alterare la dinamica con sonde endocavitarie.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SAGITTALE NORMALE



LESIONE COMPLETA SFINTERE ESTERNO ED INTERNO


Pagine Correlate: