CENTRO PELVI PERINEALE (CPP), ideato dal Dott. Carmelo Geremia, dedicato alla DIAGNOSI E CURA DELLE MALATTIE DEL PAVIMENTO PELVICO. L’azione terapeutica si avvale di tecniche di Riabilitazione come il Biofeedback (BFB), l’Elettrostimolazione Funzionale (ESF) e la Chinesiterapia Pelvi Perineale (CPP). Informazione medico-scientifica nel contesto delle Malattie Ano-Retto-Coliche e del Pavimento Pelvico
LE PATOLOGIE

Per Appuntamenti:

MINERVA ECOGRAFICA - Studio Medico Polispecialistico
Reggio Calabria
via Zecca, 7
Tel. 0965 897450 - 895331 - 3356072106

ARTEMIDE Centro Medico Polispecialistico
Reggio Calabria - Complesso Ulisse
Via Soccorso a mare, 6 – scala D – 1° piano
Tel.: 335 6072106

GASTROStudio
Bianco (RC)
Via A. Spanò (angolo SS 106)
Cell.: 335 6072106

CENTRO MEDICINA FACILE
Cosenza
via Giacomo Mancini, 172
Tel.: 0984 396335 - 335 6072106

UCP-MESSINA (sede)
Messina
via Alessio Valore, 21
Tel.: 090 662741

E-mail: dott.carmelogeremia@libero.it
01-05-2017
DISFUNZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO - TERAPIA RIABILITATIVA
COSA SI INTENDE PER “ PATOLOGIE DA DISFUNZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO ”Le patol [...]

Leggi ...

19-03-2017
LA SINDROME DEL DOLORE PELVICO CRONICO NEL MASCHIO
La SINDROME da DOLORE PELVICO CRONICO (CHRONIC PELVIC PAIN SYNDROME - CPPS) è u [...]

Leggi ...

Isciviti alla Newsletter per essere aggiornato su Eventi, Congressi e tanto altro, ricevendo le informazioni direttamente sulla tua email.

L’ ASCESSO E FISTOLA ANALE

     Di che si tratta?
Lo sfintere anale e’ costituito da due strutture muscolari, lo sfintere interno e quello esterno; esse sembrano due tubi concentrici, uno dentro l’ altro. Tra gli sfinteri, che assolvono la funzione di circondare e chiudere l’ ano, vi sono delle ghiandole che secernono muco per lubrificare il canale anale e favorire il passaggio delle feci. Se queste ghiandole si infettano e al loro interno si crea una raccolta di pus, si parla di ascesso intersfinterico. La causa può essere il passaggio di germi dalle feci alle ghiandole stesse. Nel caso in cui il pus si faccia strada tra gli sfinteri, in basso, verso la cute che circonda l’ ano, si forma un ascesso perianale. Il pus può fuoriuscire attraverso un drenaggio spontaneo dell’ ascesso. Si crea così un orifizio esterno, vicino all’ ano. Uscito il pus, il canale attraverso cui esso e’ passato può persistere e diventare cronico. Prende così il nome di fistola.   

     Altre cause e localizzazioni:
Più raramente, malattie sistemiche come le leucemie o di apparato come la malattia di Crohn ( una infiammazione di tutto l’ apparato digerente ), traumi, tubercolosi, ecc. , possono dare origine ad ascessi o fistole.
Altre localizzazioni, più profonde e più difficili da curare, sono l’ ascesso ischio-rettale e quello pelvi-rettale.
Le fistole possono essere trans-sfinteriche quando attraversano il muscolo, intra-sfinteriche o superficiali o più di rado sopra-sfinteriche ed extra-sfinteriche.

     Quali sono i sintomi?
Febbre, dolore e gonfiore sono sempre presenti se c’ e’ un ascesso. La fistola inizialmente può essere asintomatica ma più spesso da essa fuoriesce pus e secrezione sierosa.

     Quali sono le cure?
E’ raro che un ascesso guarisca definitivamente con antibiotici; più spesso bisogna drenarlo con una piccola incisione chirurgica. Nel caso coesista una fistola dovrà essere trattata successivamente in quanto, se trascurata, potrebbe diventare, più profonda e complessa e dunque di più difficile cura. Raramente una fistola cronica può dare origine ad un cancro. Fanno eccezione le fistole associate a malattia di Crohn che se sono asintomatiche e’ meglio non operare.

     Esami preoperatori:
A seconda dei casi potrebbero essere necessari un clisma opaco, una retto-sigmoidoscopia, una ecografia anale con sonda radiale, una manometria anorettale, una fistolografia.

     Complicanze da operazione e recidive:
E’ importante farsi operare da un chirurgo proctologo, in quanto in mani esperte le recidive non superano il 5% dei casi.  In effetti per operare bene una fistola anale non bisogna  essere troppo aggressivi, per evitare di tagliare una parte eccessiva dello sfintere, causando così incontinenza fecale, ne’ troppo prudenti, altrimenti non si asporta la fistola in profondità , fino all’ ascesso cronico:  questo provoca la recidiva.
Per evitare complicanze post-operatorie sono anche  importanti  le medicazioni ed una buona igiene locale.


Pagine Correlate: